La penna a biro: il mezzo per le proprie idee

La penna è l’emblema che rappresenta le proprie idee, in ambito lavorativo, artistico, sentimentale, passionale, ecc. La penna è un oggetto immancabile in qualsiasi luogo, in casa come in ufficio, in un centro commerciale come in un edificio pubblico, proprio perché è uno strumento indispensabile, per prendere appunti, firmare contratti ma anche dar vita a concetti, idee, pensieri, scritti, poesie e canzoni.

La penna a biro, quella oggigiorno più utilizzata, è nata agli inizi del XIX secolo e da allora ha conquistato praticamente tutti. Grazie alla sua semplicità di utilizzo e di maneggiabilità, è uno strumento indispensabile per compiere qualsiasi tipologia di azione, da tutti i lavori che si svolgono in un ufficio, sino a quando bisogna prendere qualche appunto lampo; senza contare che la penna a biro è stato lo strumento con cui si è imparata la scrittura, poiché proprio con essa, tutti quanti, hanno appreso la giusta scrittura attraverso lunghe ore di ortografia, dettati e compiti a scuola.

La penna a biro è anche il mezzo che si utilizza per dar vita ai propri pensieri e alle proprie idee, scrittori, poeti e cantanti, difficilmente iniziano a scrivere utilizzando un computer o una macchina da scrivere, le bozze, i primi accenni di storia, i brani o semplicemente un verso, vengono scritti attraverso una penna a biro, l’oggetto più semplice da portare e usare in qualsiasi luogo, tanto per scrivere basta qualsiasi pezzo di carta, anche un tovagliolo o uno scontrino. E’ proprio la penna a biro che ha reso possibile tanti pensieri, tante idee e tanti sogni, lasciando semplici tratti su id un pezzo di carta.

La qualità della penna a biro è oramai assodata, la sua impugnatura ergonomica (che cambia in base ai modelli) è resa la più comoda possibile, soprattutto in ambiti lavorativi di ufficio, dove il suo uso può divenire prolungato. Esistono numerose tipologie di colori di inchiostro per le penne a biro, in base al loro utilizzo (basti pensare alle unità, decine, centinaia e migliaia a scuola) ma anche, per dar una luce diversa agli utilizzatori, che potranno ricevere qualche nota di colore anche a un semplice augurio scritto a penna.